lunedì 9 luglio 2012

Io ero Johnny Marr

Ai miei tempi, l'oratorio feriale costava 40000 alla settimana. Si finiva la scuola e, dopo un solo weekend, si doveva andare all'oratorio. Nel prezzo erano inclusi due ghiaccioli a settimana (il martedì ed il giovedì) ed i cappellini dozzinali blu, verdi, gialli e rossi, proprio come i colori delle squadre in cui ci dividevano il primo giorno. Io finivo sempre nella squadra più scarsa.
Le gite, due in piscina e due solitamente in montagna, erano escluse.
Ho tanti ricordi di quel periodo. La bambina che indossava solo le magliette con la faccia Aaron Carter.
L'animatrice con la foto di Samuele Bersani nel portafoglio.
La ragazza che raccoglieva gli stecchini dei ghiaccioli per costruirci delle casette.
I giochi di squadra sotto il sole cocente.
I tramezzini di pane bianco e sottiletta che mi portavo nello zainetto bordeaux durante le gite. E le cipster. La mia dieta era alquanto discutibile, lo so.
I corsi di ricamo ed i tornei di biliardino durante le giornate uggiose.
La caccia al tesoro, sempre palesemente truccata, dell'ultimo giorno di oratorio feriale per le strade del paese.
Tutti ricordi affiorati dopo aver intravisto dei ragazzi rinchiusi nell'oratorio costretti a giocare nel cortile di cemento con dell'improponibile musica dance anni novanta in sottofondo.

Io detestavo l'oratorio feriale. Odiavo i giochi di squadra, il sole mi faceva sanguinare il naso, i cappellini mi andavano sempre larghi e non beccavo mai il ghiacciolo viola. Ed ero sempre nella squadra più scarsa.

18 commenti:

  1. Io non sono mai andato all'oratorio feriale, sarà per questo che sono diventato misantropo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualunque cosa tu abbia fatto nel tuo passato, sappi che non non ti vorremo mai bene.

      Elimina
  2. Lavorai come animatore in un oratorio, poi, il terzo giorno, risuscitai.

    RispondiElimina
  3. Beata te che eri esso.
    P.S.: LOL che tolgono la provincia di Lecco... giustizia è stata fatta.
    Grazie mille per il commento...
    CIAO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ma tolgono pure quella di Como!

      Elimina
  4. Tu eri Johnny Marr. Ed è per questo che qualche giorno fa sono andato al concerto di Morrissey.

    apostoloeverydayislikesunday

    RispondiElimina
  5. Io all'oratorio non ci andavo perché i miei avevano deciso di condannare la mia anima all'inferno educandomi a una vita da miscredente e bestemmiatrice.

    In estate, così, stavo chiusa in casa: avevo la PS1.

    RispondiElimina
  6. "L'animatrice con la foto di Samuele Bersani nel portafoglio".
    perché nei tuoi post parli sempre di me? sei una Stalker.

    RispondiElimina
  7. da noi era gratis. Era quello che lo differenziava da estate ragazzi: oratorio = gratis, estate ragazzi = a pagamento. Ovviamente a estate ragazzi ci andavano i fighetti, quelli che uscivano e i genitori neanche sapevano dove stavano andando. Quante partite a basket in quei pomeriggi, con gli animatori che volevano farci fare i giochi di gruppo e noi che scappavamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cioè, voi giocavate a basket?
      dio, che infanzia tremenda devi aver avuto...

      Elimina
  8. La foto di Samuele Bersani nel portafoglio? ma che gente frequenti?

    RispondiElimina